Dove va l’apicoltura nuove sfide per il settore

con Nessun commento

Dove va l'apicoltura nuove sfide per il settore

Hobby o business. Biologica, urbana o per la salvaguardia dell’ambiente.

Non c’è che dire: l’apicoltura sorprende per varietà di utilizzo e per scopi differenti. Perchè sempre più appassionati si avvicinano al mondo dell’apicoltura soprattutto per le numerose possibilità che offre. Vediamo quali scenari si prospettano per il futuro dell’apicoltura.

Apicoltura per hobby

Chi pensa di doversi imbarcare in imprese titaniche per sviluppare un’apicoltura per hobby si sbaglia. Non è necessario dover partire con numerose arnie:

  • perchè da semplici appassionati, è necessario avere una discreta esperienza che si costruisce nel tempo prima di riuscire a maneggiare un grosso numero di arnie
  • perchè non ha senso investire molti soldi se poi non si riesce a ritagliarsi il tempo necessario per seguire numerose colonie

Molti apicoltori hobbisti praticano anche solo per autoconsumo, attività che regala certamente grandi soddisfazioni personali, soprattutto quando si produce e si consuma il proprio miele.

 

Apicoltura per guadagnare

L’apicoltore hobbista che decide di fare il salto in termini di numeri, o il professionista che sviluppa una produzione sempre più importante, ha come obiettivo (giustamente) anche il guadagno.

Soprattutto in questo settore, crescono gli apicoltori che intravedono un’interessante opportunità di guadagno extra, sia come attività da svolgere a fine giornata lavorativa, che come potenziale nuova realtà imprenditoriale. In questo settore, differenziarsi per qualità e identità è fondamentale: un esempio è dato proprio dall’apicoltura urbana, con prodotti marchiati dalla zona di provenienza, come ad esempio le grandi metropoli italiane ed internazionali.

 

Biomonitoraggio e salvaguardia dell’ambiente

Oggi le api vengono utilizzate non solo per la produzione di miele e derivati, ma diventano sempre più protagoniste di un’importante azione per la salvaguardia delle biodiversità vegetali, per il controllo ed il monitoraggio della qualità dell’ambiente in cui vivono, posizionando le arnie in zone specifiche utili a riequilibrare l’asset biologico dell’ambiente in cui si muovono, grazie all’impollinazione. Senza dimenticare che, come sentinelle della qualità dell’ambiente, permettono ai centri di ricerca di fotografare lo stato di salute e la salubrità dell’ambiente circostante.

 

C’è una cosa che unisce tutte queste attività ed è la possibilità di gestire al meglio il tempo e la qualità dell’attività svolta utilizzando strumenti che permettano di avere sotto controllo, anche a distanza, ogni informazione preziosa sull’attività della colonia.

Questo permette di ottimizzare le tempistiche degli apicoltori, limitarne gli spostamenti, intervenire tempestivamente qualora si presentassero delle anomalie e aumentare la produttività delle arnie.

Vieni a scoprire il mondo di Melixa System!

CTA

 

__________